Il liberty in città: Casa Campanini

Il palazzo venne edificato tra il 1904 e il 1906 dall’architetto Alfredo Campanini, per diventare la residenza dello stesso: rappresenta uno dei migliori esempi dello stile liberty milanese.

Di immediato impatto sono le statue di cemento all’ingresso, realizzate dallo scultore Michele Vedani dal carattere monumentale.

Il cancello d’ingresso in ferro battuto, disegnato dallo stesso Campanini, riprende i motivi floreali tipici della scultura liberty, tali trame si possono ritrovare anche nei ferri battuti all’interno del palazzo e nella gabbia dell’ascensore.

Degno di nota è il soffitto del portico del cortile, in cui il tema floreale del liberty viene interpretato mediante disegni di mazzi di ciliegie rosse, e il lampadario in ferro battuto.

Allontanandosi dal palazzo, si possono osservare i comignoli sul tetto, simili a pinnacoli di sabbia, che lo fanno assomigliare ad un antico castello medievale.

Per maggiori informazioni consulta la scheda relativa la palazzo all’interno dei Beni Culturali  della Lombardia. 

#libertyplace #architecture #architecturelovers #modernart #milano #geoblog #gistonic #sanbabila #heritage #building #citylife #casacampanini #urbantips #artnuveau #artdeco #milanoliberty

Vicino a Via Conservatorio

View in Instagram ⇒

Luogo: Casa Campanini
Indirizzo: Via Vincenzo Bellini 11, 20122 - MI
Latitude: 45.46563394906025 Longitude: 9.204111933729564 (map)

Written by: silvy
BIO: Urban planner, specializzata in pianificazione urbanistica commerciale. Mi occupo principalmente degli aspetti normativi e regolamentari in materia di commercio, di progettazione urbana e di pianificazione territoriale dell’offerta commerciale sia per amministrazioni pubbliche sia per clienti privati, utilizzando sistemi GIS e specifiche metodologie.