Il crudo edificio dove si produceva il pane … di continuo

Situato tra via Gargano, via Quaranta e il corso della Vettabbia, il Panificio automatico continuo fu costruito nel 1925 su progetto dell’ingegnere Enrico Cardani e dell’architetto Mario Faravelli per conto dell’Azienda consortile del Comune di Milano. Allo scopo di calmierare il prezzo del pane, l’impianto produceva 1200 quintali al giorno ed era considerato all’epoca il più importante d’Europa, con innovativi macchinari per la movimentazione meccanica della materia in lavorazione. L’approvvigionamento delle materie prime e il trasporto dei prodotti avveniva tramite un binario ferroviario privato raccordato con il vicino scalo di Porta Romana. Il complesso è costituito da diversi edifici che ospitavano non solo la produzione ma anche uffici, laboratori e locali di servizio.

Sormontato da un frontone triangolare, il fronte principale su via Quaranta si articola monumentale su vari livelli, con la presenza di grandi finestre che scandiscono geometricamente l’edificio. Al centro è ben visibile ancora oggi la grande scritta originale con la dicitura “Panificio Automatico Continuo”, mentre da via Gargano spicca la torretta dell’edificio, nella quale era stato all’epoca inserito il serbatoio dell’acqua. Simbolo di modernità, l’architettura austera e l’insieme suggestivo dei vari corpi in cemento armato compongono un linguaggio compositivo unico che coniuga elementi razionalisti con forme decorative di tradizione accademica. Situato in un’area fortemente industrializzata, in veloce fase di riconversione, il Panificio automatico continuo ospita oggi un deposito e una sala lettura della Biblioteca Civica Sormani, oltre a magazzini e uffici del servizio ristorazione scolastica del Comune di Milano. [fonte: turismo.milano.it/panificio_automatico_continuo]

Vedi anche

Luogo: Il crudo edificio dove si produceva il pane … di continuo
Indirizzo: Via Bernardo Quaranta 41, 20139 - MI
Latitude: 45.43662742932276 Longitude: 9.20536898346711 (map)

Written by: pjhooker
BIO: Mi occupo di dati territoriali da oltre dieci anni. Collaboro con amministrazioni locali, professionisti e aziende che vogliono usare i servizi web e gli strumenti open source per lavorare meglio, migliorare il servizio pubblico e avvicinarsi al tema delle smart city.