La piattaforma

Una piattaforma interattiva che permette a cittadini abilitati di rappresentare e lasciare traccia del suo passaggio e della sua presenza nei luoghi del proprio vissuto, valorizzati grazie alle testimonianze raccolte in forma narrata e multimediale, promuovendo nel contempo la tutela attiva e partecipata del patrimonio territoriale.

Con GeoBlòggati vogliamo offrire un “artefatto telematico” che alle potenzialità di un blog unisce quelle di una rilevazione geografica sensibile ed emotiva del territorio. Le ultime tecnologie (wireless, mobile, ecc.) ci consentono molteplici usi – didattici e non – che vanno dai più semplici ai più complessi.

Il modo più semplice, ma anche più tradizionale, è quello di usarlo come un blog che sia consultabile attraverso una mappa geografica: in questo caso, il percorso sarebbe un percorso naturalmente tematico (i luoghi della resistenza, i luoghi del divertimento, i percorsi dello studio, ecc.), si snoderebbe a partire dai luoghi valutati come più rilevanti e significativi del territorio e potrebbe essere teso a restituire sulla carta una o più letture possibili del territorio stesso.

Un secondo modo, più complesso e certo più innovativo, fa riferimento e si incrocia con alcune discipline come la psicocartografia, la linguistica, l’etnografia e la psicoanalisi, e, partendo dalla percezione soggettiva dei luoghi del territorio, ha la presunzione di superare la geografia tradizionale, oggettiva e normata, per avviarsi verso possibili interpretazioni del territorio a partire dalle percezioni e dai vissuti dei singoli cyber-citizens. Percezione, suggestione, emozione sarebbero quindi le parole chiave che sostanziano l’approccio del Geoblog secondo questo approccio.

Il territorio quindi non verrebbe più “studiato”, ma assumerebbe un significato nuovo, un significato interpretabile alla luce delle molteplici percezioni soggettive. (Fonte: http://www.albesteiner.net/geoblog/pagina-di-esempio)

Il Geoblog è un’applicazione WebGis avanzata, che permette di raccogliere segnalazioni territoriali da parte degli utenti, senza registrazione nella sua attuale versione. Essa, con finalità dimostrative, sperimenta con grande efficacia la possibilità di acquisire dai cittadini segnalazioni tematiche, consultandole e gestendole con funzionalità Gis territoriali.
Il Geoblog è una Google Maps Mash Up leggera ma sofisticata, programmata su strumenti totalmente opensource (MySql, Php, Javascript, Ajax) e su una raffinata interfaccia basata sulle librere JQuery e JQuery UI. Ogni segnalazione può essere associata ad una categoria tematica ed integrata con una descrizione, immagini allegate (Fonte: http://italomairo.italomairo.com/it/content/geoblog-web-20-dei-cittadini-prototipo-fini-dimostrativi)